Zurigo: verso una città pedonale (Svizzera)

Da News Editor / Aggiornato: 28 Jan 2015

Nel 2005 Zurigo ha lanciato una campagna mirata ai residenti e destinata a valorizzare l’uso dello spazio urbano e a far riscoprire la città a piedi. Chiamata Züri z’Fuess (Zurigo a piedi), la campagna consiste di diverse visite turistiche fai da te attraverso la città.

Non si tratta comunque delle tradizionali visite effettuate dai turisti; sono piuttosto percorsi ideati da storici, architetti e studiosi locali, con mappe appositamente disegnate che consentono ai cittadini di orientarsi facilmente, offrendo nuovi scorci e l’opportunità di girovagare per scoprire la città come mai prima d’ora.

Context 

Zurigo è la più grande città della Svizzera. Una piccola metropoli, animata e dinamica, con quasi 400.000 abitanti e notevoli flussi di traffico, e con previsioni che indicano un’ulteriore crescita. Per garantire in futuro un’efficiente gestione del traffico senza incidere negativamente sull’ambiente, è necessario che il trasporto pubblico, i pedoni e i ciclisti assumano un ruolo sempre più importante.

Con il 44%, i pedoni rivendicano una quota già considerevole della ripartizione modale a Zurigo. Ma la città, nella sua politica sulla mobilità per il 2012, ha presentato piani volti a incrementare di un ulteriore 10% i mezzi pubblici e il traffico ciclopedonale nei prossimi 10 anni. Zurigo possiede già un’infrastruttura pedonale di alto livello. Gli spostamenti a piedi sono in genere sicuri, con percorsi attraenti che in molti casi possono essere utilizzati anche con ausili per la deambulazione e passeggini per bambini. Con Züri z’Fuess, Zurigo punta a incoraggiare i cittadini a utilizzare tali percorsi.

In action 

La campagna Züri z’Fuess è stata lanciata a settembre 2005 con la pubblicazione di 5 itinerari cittadini. Grazie all’assistenza del comitato di quartiere locale (Quartiervereine), la città è riuscita ad avvicinare esperti residenti, come architetti e storici, per l’elaborazione degli itinerari turistici.

Le passeggiate, con la descrizione di ciascun luogo di interesse, includono mappe orientative e informazioni su altri punti d’interesse. Sono fornite gratuitamente e sono disponibili presso il Pavillion, un punto informativo sulla Werdmühleplatz. È anche possibile scaricarle dal sito web della città. La raccolta consta attualmente di 20 itinerari. Le persone sono guidate nei diversi quartieri attraverso 16 percorsi, di cui 4 che trattano di argomenti particolari:

Percorsi con bambini

  • Zurigo vista attraverso gli occhi dei bambini: scorciatoie, cortili interni e luoghi segreti in cui nascondersi.

Calcio

  • Alla scoperta di piazze, storie e aneddoti che hanno a che fare con questo “bellissimo gioco”.

Acqua

  • A passeggio lungo le vie d’acqua della città dove è possibile nuotare, scoprendo la loro storia lungo il percorso.

Società a 2000 watt

  • Questo percorso attraverso il quartiere di Albisrieden mostra cosa occorre cambiare per poter ridurre il consumo energetico di ogni persona.

Gli itinerari più famosi sono stati tradotti in inglese e sette di essi sono inoltre corredati da audioguide. Le guide possono essere scaricate dal sito web sotto forma di file mp3 e riprodotte su smartphone o lettore mp3. Auricolari e lettori mp3 con le audioguide già caricate si possono richiedere gratuitamente presso il Pavillion. In alternativa, si possono anche ordinare in anticipo utilizzando un modulo online – raccomandato per gruppi di più di 10 persone. La città ha inoltre realizzato un’app interattiva, ZüriPlan App, disponibile per iPhone, iPad e dispositivi Android.

Gli itinerari tengono conto anche delle necessità delle persone a mobilità ridotta, ad esempio le persone diversamente abili o con disabilità visive. Prima della ristampa delle mappe nel 2010 e 2014, gli itinerari sono stati nuovamente verificati -in particolare la superficie del terreno e la sua inclinazione- allo scopo di stabilire se fossero idonei per le persone a mobilità ridotta. Nelle mappe vi sono anche informazioni che mostrano i tratti di percorso senza ostacoli.

Results 

Le mappe dei percorsi sono molto richieste. Dal 2005, sono state distribuite in media 13.000 mappe all’anno. Si può concludere che la popolarità delle mappe può essere messa in relazione con l’aumento della mobilità pedonale. Tuttavia, è solo dal 2012 che il comune di Zurigo monitora il traffico pedonale e quindi la rete di misurazione è ancora in via di sviluppo. Non è pertanto possibile ottenere dati statistici che permettano di stabilire adeguatamente il successo delle mappe.

Anche la loro popolarità su supporti digitali è stata positiva. L’app interattiva ZüriPlan su Android, che include i 20 percorsi e itinerari ciclistici, è stata scaricata ben 50.000 volte dal sito Google Play.

Challenges, opportunities and transferability 

Una delle sfide per attività come Züri z’Fuess riguarda i costi. La produzione di materiale di testo locale e di buona qualità, la stampa, la commercializzazione e la distribuzione non sono esenti da spese. Ciascun autore ha ricevuto circa 7.000 franchi (5.800 euro) per ogni visita guidata. Inclusa la stampa e la commercializzazione, la preparazione di ogni percorso costa a Zurigo 17.000 franchi (14.100 euro). È inoltre necessario aggiornare costantemente gli itinerari a causa dei cambiamenti realizzati nella città, come ad esempio la costruzione di nuovi edifici o le modifiche apportate alle infrastrutture. Ogni aggiornamento richiede poi il controllo dell’itinerario per verificarne l’accessibilità alle persone diversamente abili.

Yvonne Meier-Bukowiecki, del comune di Zurigo, sostiene che il concetto di Züri z’Fuess sia sicuramente esportabile in altre città, con tutte le sue componenti facilmente adottabili: il formato, la modalità di trasferimento su una mappa aerea e gli esperti locali coinvolti nella realizzazione dei contenuti. Tuttavia, le comunità locali hanno un ruolo cruciale da svolgere.

“La chiave del successo sta nel trovare bravi autori per la redazione dei percorsi cittadini. È una sfida da non sottovalutare”, dichiara Yvonne Meier-Bukowiecki. “A Zurigo è fondamentale coinvolgere il Quartiervereine, perché contribuisce ai contenuti e distribuisce le mappe nelle rispettive zone della città attraverso i Quartierzentren (centri distrettuali cittadini).”

Topic: 
Walking and cycling
Region: 
Northern Europe
Country: 
Switzerland
City: 
Zürich
Contact: 
Yvonne Meier-Bukowiecki
Author: 
Lizeke de Clerck
24 Sep 2014
28 Jan 2015