5  7
4  2
3  3
2  
1  
gaidarakos_small_gif.gif
Author: Kostas Konstantinou Rate this Case Study:
please log in to rate
Contact: Street Panthers
Views:9809 Posted:December 2008
User rating: Last update:November 2011
Languages:EN | CZ | DE | ES | FR | HU | IT | PL | RO | SR

Home > Case Studies > Search > Case Study Search > Search Results >

Pantere della strada in azione a Salonicco, Grecia.

Le pantere della strada sono un gruppo che si aggira per le strade delle più grandi città greche a caccia di veicoli in sosta vietata. Una volta trovati viappiccicano un’adesivo che raffigura un conducente di auto rappresentato da un asino affiancato dal messaggio: “Io parcheggio dove mi pare”. Essi rimarcano il fatto che “Lo spazio dedicato ai pedoni sta scomparendo”.

Concetti base & Obiettivi


In Grecia, i diritti e bisogni dei pedoni non vengono molto considerati. “Prova a camminare su un marciapiede o ad attraversare la strada - ti sentirai come una preda da caccia“, lamenta l’Associazione greca per il sopporto alle vittime del traffico stradale. “È l’unico paese al mondo nel quale la regola d’oro in cui i pedoni hanno la precedenza non vale.“ Nelle città greche, grandi o piccole, gli scooter girano sui marciapiedi continuamente. La barriera più grande però è causata dalla flotta di veicoli che ogni giorno dispone, a modi parcheggio, di marciapiedi alberati o di altri passaggi pedonali. Rispetto alla condotta di paesi dell’Europa occidentale, in Grecia il numero di auto di proprietà nelle aree urbane è di gran lunga superiore a quello registrato nelle aree rurali. Con circa due milioni di veicoli, la città di Atene ha il numero più grande di automobili a testa: 450 auto registrate ogni 1.000 abitanti.
Perciò le pantere della strada hanno la missione di ridurre alla ragione gli automobilisti facendo uso di adesivi da incollare sulle auto con messaggi espliciti. L’obiettivo delle loro azioni è quello di ricordare ai trasgressori il fatto che i marciapiedi sono ad uso specifico dei pedoni e che gli automobilisti farebbereo altresì meglio a muoversi a piedi anzichè ad andare in macchina.

Implementazione


Le pantere della strada hanno cominciato ad attivarsi a Salonicco verso la fine del 2006. Le loro attività si sono propagate rapidamente in tutta la Grecia. Il fenomeno “Io-parcheggio-dove-mi-pare - e-non-ho-rispetto-per-nessuno“ si spiega facilmente.

L’asino sull’etichetta avvisa gli automobilisti, che non considerano i pedoni, a rispettare quelli che si trovano a commettere l’imperdonabile crimine di andare a piedi. Gli ignoranti non vedono le strisce pedonali. Per loro, segnali e termini come “pedoni“, “attraversamenti“ e “marciapiede“ non esistono. Si fermano e parcheggiano dove vogliono come se i pedoni fossero trasparenti. Ciononostante si lamentano quando vedono l'adesivo sulla loro macchina!
Finora, le pantere della strada hanno creato una serie di adesivi creativi a tema e sono già stati distribuiti in numero pari a 250.000. Altri adesivi che riportano il messaggio “Non parcheggiare la tua macchina nell’area riservata ai disabili solo perché è COMODO. Cerca invece d’immedesimarti nella loro situazione per capire cosa significa DIFFICILE”.
Ulteriori informazioni sulle pantere della strada sono presenti sul loro sito internet:
www.streetpanthers.gr

Conclusione


Già dall’anno scorso, nata dall’impegno delle pantere della strada, è nata la più innovativa dimostrazione di attivismo, con un gruppo di persone sulla trentina che vagabondando per le strade notturne di Atene e Salonicco, le due maggiori città della Grecia, incollano sulle auto dei più grandi contravventori alla sosta gli adesivi arancioni raffiguranti l’asino “Io parcheggio dove mi pare“. Ad oggi sempre più persone nelle città greche partecipano all’iniziativa e come risultato all’azione dell’uso degli adesivi i casi di violazione al codice stradale sono già diminuiti.


Related Case Studies



    This Case Study is part of the European urban mobility and transport best practice collection from Eltis - www.eltis.org.